..............................



..............................

2011 Scottish Six Days Trial - edition number 100 !

Two popular riders come back to the Scottish in occasion of its centenary. Two names well known to all people in the good ninety’s. Italian Diego Bosis and Spanish Amos Bilbao. Two big champions who can carry on their shoulders brilliant careers. Much better in the World championship, the Italian’s, twice vice-champion in 1987 and in 1990, other three times on the third place. Better in the Scottish the Spaniard’s , winner in 2002.

Bosis entered only three times in the Scottish, in 1984, 1985 and 1986, finishing respectively in 25th , 10th and 21st place. “I remember that in the first year I was lucky for the weather, then only cold and rain. In 1986 I was in good position until the last day, when due to mechanical problems I took many points for delay, slipping back in the standings”.

At that time also Bilbao’s experience did not bring good results:” It was always my dream to ride in the SSDT, but my first trip to Fort William turned out to be a bit of a nightmare. I drove the van myself to Scotland, which was an adventure in itself and then I had to face the big challenge of the trial. My English was not good, I knew no one and basically I was alone. It was a hard experience for a young rider and I returned home thinking never again!”

But at Fort William, the small town where the Scottish starts, Bosis competed in 1992, too. It was because in that place it was held a World round. It was the third of that season: Diego won and topped the provisional standings in the world championship, overtaking Tommi Ahvala. In third there was the former champion Jordi Tarres. We found a photo of that time.

Then, the years where the top-riders boycotted it. Probably due to the more and more high gap between the world sections and the ones of this “classic” race. An other reason the change in the riding style for the coming of hopping and stopping, never allowed in the Scottish rules.

Bilbao quitted the world championship in 1999, to become tester and developer in Honda-Montesa, so he could come back again without any pressure. In the same year he rode and commented: “This time it was a totally different feeling. My English was much better, I had some friends in the UK and the weather was very nice! By then I was at the end of my World championship career and so I was much more relaxed and really enjoyed it. Since then my aim has been to come back every year, but with me working as a test rider for Montesa this has not always been possible.”.

And in 2002, he got the prestigious trophy coming for the winner “…I think winning the Scottish was my most important victory and one I will always remember as a very happy moment for both me and Montesa. I think it is important for me to say a big thank you to the Sandiford family, as it is because of their support and interest in bringing me to the SSDT that I love this event so much.”

Bilbao continued. “Last year Jon Amos was born on the 21st of April, so we could not come, but in the future I want to bring him to the Scottish many times, and maybe he will also ride it one day. My life is busy with the family, so I do not have enough time to ride Trial now. I am coming with no pressure, I would like to finish in the top twenty, but if I finish in the top forty I will still be happy. My aim is to enjoy the riding, to spend time with my friends in the UK, and to enjoy the local beer.”

Bosis, who took part to the Italian championship, riding at high level until 2009 (see the photos), work nowadays as tester for Italian magazine “Fuoristrada”. He will come with photo reporter Pupi Alifredi, who will be there for reporting the challenge. He will mount a Gas Gas thanks to the promptness cooperation from Gas Gas factory for the assistance promised during the competition and a second bike for training is already available from Gas Gas Italian importer, Claudio Favro.
Other supporters are going to help him in these expensive adventure. Luciano Bonaria, chairman of SPEA, main sponsor in the World Championship, wanted to be present, with other two great trial mad: Sergio Parodi owner of PROMOTOR of Genova, and Osvaldo Scremin, president of TRIAL PARK VARATA. Also Italian Federation will support this effort, through the Trial responsible, Giulio Mauri.
Organisers accepted the entry and he got the bib numer 266.

Marking its centenary, the 2011 Scottish Six Days Trial will take place in and around Fort William between Monday 2nd and Saturday 7th May - for more details please visit www.ssdt.org..

-----------------------------------------------------------------------

Sei Giorni di Scozia 2011 - edizione numero 100 !

Per il centenario della Scottish due importanti ritorni, due nomi che hanno esaltato le folle di quei magnifici anni 90. Il nostro Diego Bosis e lo spagnolo Amos Bilbao. Due grandi carriere alle spalle. Meglio nel mondiale l’azzurro, due volte vice-campione nel 1987 e nel 1990, altre tre volte al terzo posto in anni in cui si batteva per il titolo, meglio alla Sei Giorni l’iberico con la vittoria nell’edizione del 2002.

Per Bosis solo tre apparizioni alla Scottish, nel 1984, 1985 ed 1986 in cui si piazzò rispettivamente al 25-esimo, al decimo ed al 21-esimo posto. “Mi ricordo che il primo anno ero stato fortunato come tempo, poi invece freddo e pioggia. Nel 1986 non stavo andando male, poi all’ultimo giorno ho avuto problemi meccanici ed ho preso un sacco di punti per il ritardo, così sono finito indietro”.

Anche per Bilbao l’esperienza di quei anni non aveva portato grandi risultati: “E’ sempre stato un mio sogno correre alla SSDT, ma la mia prima volta a Fort William e’ stato un incubo. Ho guidato il mio furgone da solo fin là, e già questo e’ stato un’avventura, poi lo sforzo di questa gara durissima. Il mio inglese era scarso. Non conoscevo nessuno, correvo praticamente da solo. Era troppo per un pilota così giovane. Sulla strada di casa pensavo che non sarei mai più ritornato.”

Ma a Fort William, la cittadina di partenza della classica scozzese, Bosis ci ha anche corso nel 1992, perché proprio in quel luogo si e’ organizzato una prova del campionato del mondo. Era la terza della stagione: Diego l’aveva vinta ed era balzato in testa al mondiale, scavalcando Tommi Ahvala. Terzo il campione in carica Jordi Tarres. Abbiamo recuperato una foto dell’epoca.

Poi gli anni in cui i top-riders la boicottarono, vuoi per il sempre più alto divario fra le zone del mondiale e quelle della “classica”, vuoi anche per il cambiamento di stile di guida, con gli spostamenti e gli stop, cosa assolutamente mai permessa nel regolamento scozzese.

Bilbao ha smesso di correre a livello mondiale nel 1999, per poi diventare collaudatore e sviluppatore per l’Honda-Montesa, così ha potuto tornare libero da condizionamenti. Proprio nel 1999 ci era tornato: “Questa volta ho avuto sensazioni completamente differenti. Il mio inglese era migliorato, avevo diversi amici in Inghilterra ed il tempo era stato buono...” quindi nel 2002 si e’ aggiudicato il prestigioso trofeo che va al vincitore. “…penso che vincere la Sei Giorni di Scozia sia stata il mio successo piu’ importante di tutta la mia carriera, per me a la Montesa. Devo ringraziare la famiglia Sandiford (importatore Montesa in UK) per l’aiuto datami e per l’amore che hanno sempre avuto per questo evento, un amore che hanno saputo trasmettere anche a me!”.

Continua Bilbao:” L’anno scorso il 21 aprile sono diventato papà: e’ nato Jon Bilbao, quindi non ho potuto andare, ma in futuro lo voglio portare con me e chissà che un giorno non vi partecipi pure. La mia vita odierna mi vede molto impegnato con la famiglia e non ho molto tempo per allenarmi in moto. Quindi ci andrò senza alcuna pressione. Mi piacerebbe finire nei primi venti, ma se invece finirò nei primi quaranta, sarò felice ugualmente. Il mio obbiettivo e’ divertirmi, trascorrere un po’ di tempo con i miei amici inglesi e bermi qualche birra del posto.”

Bosis che ha corso nel campionato italiano ad alti livelli fino al 2009 (vedete le foto) svolge oggi il lavoro di tester per il Trial della rivista italiana del gruppo Edisport, “Fuoristrada”. Sarà al via accompagnato da Pupi Alifredi, giornalista e fotografo, che avrà il compito di immortalare l’impresa. Grazie alla disponibilità immediata e totale della Gas Gas, potrà contare sulla moto e l’assistenza messa a disposizione dalla casa madre durante le sei impegnative giornate, oltre ad un mezzo identico, utile agli allenamenti in vista della gara, gentilmente concesso da Claudio Favro, titolare di Gas Gas Italia.
Essenziale l’apporto di aziende amiche che hanno desiderato sostenere questa onerosa ed impegnativa trasferta. Luciano Bonaria, presidente della SPEA, sponsor del Campionato Mondiale, ha voluto essere partecipe dell’avventura scozzese, assieme ad altri due grandi appassionati di trial: PROMOTOR di Genova, nella persona di Sergio Parodi, e TRIAL PARK VARATA dell’amico Osvaldo Scremin. Non da meno la disponibilità dimostrata dalla Federazione Motociclistica Italiana nella persona di Giulio Mauri. L’iscrizione è stata accettata, e a Diego è stato attribuito il numero 266.

Il suo commento:” Non corro per ottenere un risultato, sono sollevato da ogni pressione di chi ci va per vincere. Il mio obbiettivo e’ finirla e cercherò di fare del mio meglio per stare nella parte alta della classifica, ma non importa nulla se non ci riuscirò.”

Maggiori dettagli sull’edizione di quest’anno li potete trovare su www.ssdt.org.

-----------------------------------------------------------------------

From left Giulio Mauri, Diego Bosis,Marco Marini (editor of "Fuoristrada" magazine),Luciano Bonaria, Pupi Alifredi
Diego between his compain, Nicoletta, and his son, Matteo.
Diego Bosis, World champ.: Fort William, 1992
Amos Bilbao, SSDT 2002 (photo by Eric Kitchen)
Amos Bilbao, World Champ.: Alma, CANADA, 1996.
Diego Bosis, Italian Championship, Courgne', 2009
Diego Bosis, Italian Championship Hard Trial, Castellinaldo, 2009