..............................



..............................

09/11/12 - 2013 FIM World Championship goes to NON STOP

The NON-STOP strongly wished by the late lamented Giulio Mauri is now back at the high levels as the World Championship. Every time I discussed with Giulio, a great friend of mine with whom I shared competitions, travels, organizations, none of us wanted to change his mind. Probably nowadays his tough work , shared by other people inside the FIM , has popped up. Why I do not agree?

1- First of all we have to give up to think Trials’ crisis is due to the rules. The current rules are ok. The crisis is due to many other factors. And it worsened because the bad economic situation of the whole world, above all the old continent. But from ever the matter of Trials is in finding areas where it is possible to practise, finding mule tracks in the mountain where it is allowed to ride. Also the increased cost of the motorbikes and theirs increased sophistication did not help.

We need to invest to spread the number of people who know what Trials is. It is important to underline the physic component indispensable for the rider, because Trials, among the motorcycling disciplines, is the one where the mechanical item is minimal compared with the skill of the rider. About to increase the circulation, we think every lately way as social networks are more than o.k. On this matter we are publishing almost every day on Facebook some of photos coming from our archives. Of course many of you have already seen those photos but not the non trialist public of Facebook!

2- An other reason is simply the fact that we can not go back, we can not stop the progress. Trials has changed a lot in the lately years as riding technique. Undoubtedly how our sport is spectacular has increased more and more. The manoeuvring and hopping made by the top riders are part of this spectacular show. Why to abandon this? When it was tried many years ago, this experiment has pathetically failed. It happened that the best riders could do more or less the same things, just slowing down and manoeuvring dynamically. At the beginning some riders, frightened by the high level reached in the competitions, came back and tried again , but soon they gave up definitively. Maybe the young’s can’t remember.

And on the point of view of the marshals it was a kind of hell. Someone counted until 3, others gave five to the rider at his minimum stop of moving. We know that the non stop fits very well at the Scottish, but on those sections only. Tell me where all over the world we can find hazards as the Scottish.

3- If it is only possible to do something working on the world championship, why do not insist on improving the real state? Obligating the organisers to feature sections more accessible to the public, to offer more facilities to the spectators, anything can be helpful for making the competition easily followed. That is big screens, speakers to explain to the public how the Trials scores work. More, in the same event we could have some motorbikes available to whom wants to try for the first time, assisted by instructors able to teach them the basic knowledge. It is necessary to produce videos not only on the incredible actions made by the world top riders, but even on the multitasks covered by a Trials machine, such us mountain ridings, amateurs competition or simply training with friends.

It is a pity to see how we waste energies toward wrong directions. Few time ago the time limit per section was reduced to 60 seconds. It lasted one year, then it returned to 90 seconds. The same happened for the starting order: from the best to the last. It was puzzling for the public! This year we returned to the wisely and fairly ballot. Now we expect to return to the old good rules very soon, but not before to have lost other riders.

------------------------------------------------------------------------------------------

Il NON-STOP tanto auspicato dal compianto Giulio Mauri è tornato agli altissimi livelli del Campionato Del Mondo. Con Giulio, che ritengo sia stato un grande amico con il quale ho diviso competizioni, viaggi, organizzazioni, si era sovente discusso su questo punto, rimanendo ognuno sulle proprie posizioni. Ora probabilmente la FIM ha accolto le richieste che aveva portato avanti Mauri ed altri sostenitori di questa regola. Perché io non sono d’accordo?

1- Innanzitutto bisogna smettere di pensare che il Trial sia in crisi a causa del regolamento. Il regolamento va bene così com’è. La crisi è dovuta a ben altre cause, a cui in questi ultimi tempi va aggiunta la situazione economica del vecchio continente e del mondo intero. Ma da sempre il nocciolo della questione sta nelle aree di dove praticarlo, dei sentieri negati dagli ambientalisti, dai costi e dalla sofisticazione delle moto.

Bisogna investire per fare conoscere il Trial a più persone, sottolineare la componente fisica di chi lo pratica, perché mai in altre discipline motociclistiche il mezzo meccanico ha così poca importanza, rispetto all’abilità di chi lo guida. Nella diffusione utilizziamo pure tutto quello che il progresso ci mette a disposizione. A questo proposito phototrial sta pubblicando su una pagina di Facebook quasi quotidianamente foto del proprio prezioso archivio. Foto che voi che ci avete sempre letto avrete anche già visto , ma che il pubblico non trialista di Facebook sicuramente no.

2- Un secondo motivo è che semplicemente non si può tornare indietro. Il Trial è cambiato moltissimo negli ultimi anni, come tecnica di guida. Senza dubbio la spettacolarità è aumentata. Si riescono a superare ostacoli che sembrano impossibili. Le manovre che si riescono a fare con i piedi sulle pedane fanno parte di questa spettacolarità. Perché rinunciarvi? Quando si era tentato un po’ di anni fa, l’esperimento era miseramente fallito. Era successo che i più bravi riuscivano ugualmente a fare quanto fanno ora, rallentando al minimo e facendo spostamenti dinamici. Qualche pilota che aveva smesso, scoraggiato dal livello, aveva sì ripreso, ma solo per poi smettere definitivamente. I più giovani forse non se lo ricordano!

E per i giudici era un calvario. Chi contava fino a 3 secondi, chi era più rigoroso ed affibbiava il cinque alla minima sosta. “Alle Sei Giorni di Scozia c’è il regolamento non stop e funziona”, voi mi direte. Su quelle zone va benissimo, ma quanti trial nel mondiale sono come la Scottish?

3- Se si vuole intervenire nelle gare mondiali, si può insistere nel pretendere dagli organizzatori zone accessibili al pubblico, servizi per agevolare gli spettatori, comodità per seguire la gara, come maxischermi, speaker che spieghino cosa stia succedendo .Poi a corredo ci possono essere moto da provare con istruttori che impartiscono le nozioni fondamentali, video che esaltino non solo le imprese dei funamboli, ma che riportino anche le molteplici sfaccettature che l’utilizzo di una moto da trial può avere. Dalla gita motoalpinistica alla gara amatoriale, all’allenamento fra amici.

E’ un peccato che si continui a sprecare energie in direzioni sbagliate. Pochissimo tempo fa si era ridotto il tempo limite in zona a 60 secondi. E’ durato un anno, poi dietro-front. Idem per l’ordine di partenza dal primo all’ultimo. Deleterio per il pubblico. Quest’anno sostituito dal buon vecchio sorteggio! Ora ci aspettiamo che dopo avere perso altri piloti , tutto possa tornare come prima in breve.

------------------------------------------------------------------------------------------
Here is the official press release