..............................



..............................

26/09/11 - 2012 FIM World Championship -

The FIM World Championship is on the go putting itself in the two-competitions per each event formula, except for the Italian round, where the program scheduled a European championship round on Saturday. An effort to make the factories to save money? Of course, yes, but the European Championship is going to lose visibility. So less countries to visit, but two distant events overseas. One is the twelfth consecutive time in Japan, object of a slight attempt of boycott last year for not having precise news on radiation risk after the damages to nuclear central of Fukishima. The other one is what is worrying more: the first time in Australia. It is because there isn’t any economic help from the FIM or the organisers to support riders, teams, etc, as it was used to be in the past when happened to go such distant at the first time. We remembered in 1999, there was a free charter flight from Paris to Reunion Island, or in more recent time, the kind hospitality in the hotel in the Guatemala’s GP in 2007. At the moment we know that factories and teams are dealing with the FIM in order to reach a reasonable agreement. Meanwhile the debut is in the very centre of Europe: La Bresse, France, in Vosges region.

There will be more changes in the rules rather than in the riders, so we start talking of these ones. After two years in which the starter order was from the best one to the lowest’s, criticised all over the world, at last we return to the ancient ballot. This is not yet the “optimum” , that in our opinion was from the last one to the number one, because as we explained in the past, it creates an expectative between the spectators to know if the sections is really feasible or not, but we appreciate the effort of changing. Maybe the next year somebody will decide to return to the 2009 starter order and someone will find it a genius idea!
An other innovation that we subscribe is the new class, called Open, reserved to all the riders that have not been in the top 10 of the world ranking in the last 3 years. They will ride the blues gates, that means the Junior sections. Sincerely we expected more than the two only riders we saw in the French round entry list. For sure the general economic crisis has kept at home many other possible riders and this is a pity.

But let’s watch the World Pro class. The man to be beaten is still the champion of the last 5 championships, the Repsol Montesa, Spanish Toni Bou, fresh from his domination of the recent 2012 FIM X-Trial World Championship. Impeccable inside the arenas, where his precision in riding and the simplicity in overtaking almost impossible obstacles has neutralised any attempt made by his rivals to see him to succumb – remind to 7 wins in 7 rounds in the last indoor season – Bou seems to be more vulnerable outdoor, according to what happened in the first rounds of the Spanish championship.

As you know, the top 5 riders of the world round (Japanese Fujinami included) live in Spain and compete in their National series. Consequently we can have the first indications on the forces in the field for the incoming outdoor season. Our first impression is more equilibrium , but we can not forget that these first 3 rounds were quite easy comparing to their standard level. Current leader is the rider who worried more him lately, number one in Gas Gas, Adam Raga. But he won’t be the only from whom Bou will have to watch his back. Albert Cabestany, Sherco finished the indoor season in second place and he used to start very well in the first rounds of the series. Also his team mate Takahisa Fujinami ,nevertheless the oldest in the top fives, showed not to be on the decline, having reached the podium twice in the indoor races, never preferred by him. Still on the same footing, an other Catalan, Jeroni Fajardo, back to Beta and so more motivated thanks to the changing. One good result was already achieved by him. Second at Ibiza, in the second round of the Spanish series, behind Bou, but ahead of Raga, Cabestany and Fujinami. In short we are writing more or less the same presentation done one year before.

A second group will be able to fight for the positions down from six. Riders like Loris Gubian, Gas Gas, James Dabill, Beta , Jack Challoner, Beta, Michael Brown, Gas Gas, Alfredo Gomez, Montesa and Matteo Grattarola, Gas Gas. Only few appearances are planned by Dougie Lampkin , Gas Gas , more interested in Extreme Enduro. In this class, Ossa factory will be represented by Spanish Dani Oliveras. It looks very bold the direct jump from Youth to World Pro class done by Swedish Eddie Karlsson. In the World Pro class, great courage showed by Italian, Gianluca Tournour, SPEA Gas Gas, too.

In the Junior class there are many good riders, all able to gain the top positions. We bet on French leader in his National championship, Alexandre Ferrer, Sherco, Jack Sheppard, Beta, 2011 Youth world champion, Spanish Pol Tarres, JTG, nephew of the pluri-champion Jordi, Italian Giacomo Saleri, Beta and Matteo Poli, Ossa.

Steven Coquelin, Gas Gas, is our winning horse for the Youth class, but take into the right consideration, Italian Francesco Cabrini, Beta and Spanish Ignacio Martin, Gas Gas.

Sections’ inspector will be Jordi Pascuet who replaced the always in our hearts great championDiego Bosis.

To see when and where the other rounds will have place click here.

---------------------------------------------------------------------------------------

Il mondiale Trial bussa alla porta riproponendosi nella formula di 2 gare per ogni week-end ad eccezione unicamente della manche italiana, dove ci sarà una gara sola perché al sabato si disputerà una prova del Campionato Europeo. Un tentativo di far risparmiare Case, piloti e addetti ai lavori? Sicuramente sì, anche se a perderci ovviamente e’ l’ Europeo, molto spesso collocato alla vigilia nell’anno passato ed ora abbandonato a se stesso. Dunque meno nazioni da visitare, ma con due pesanti trasferte oltre oceano. La dodicesima volta consecutiva in Giappone , oggetto nella scorsa stagione di un timido boicottaggio, a causa della poca chiarezza nei pericoli di radiazioni, post-incidente alla centrale di Fukushima. Ma quello che preoccupa di più e’ la “prima volta” in Australia, visto che la Federazione Internazionale non ha concordato con gli organizzatori nessun tipo di aiuto economico ai piloti, come invece si era soliti fare per eventi alla loro prima edizione in luoghi lontani dall’Europa. A tutt’oggi le Case, stranamente molto unite su questo fronte, stanno trattando con la FIM e sono disposte in blocco a rinunciare alla trasferta, se non si otterrà qualche parziale rimborso . Del resto senza arrivare alla generosità del mondiale disputato all’isola della Re-Union nel 1999, in cui gli organizzatori avevano messo a disposizione un volo charter da Parigi, gratuito per tutti i giornalisti, piloti , meccanici e via dicendo, si potrebbe almeno ottenere di essere spesati nei giorni di soggiorno in loco, come accaduto nella più recente trasferta in Guatemala nel 2007. Nessun problema invece per l’esordio del prossimo fine settimana, si e’ scelto La Bresse, in Francia, regione dei Vosgi, in pieno centro Europa.

Ci saranno più novità nei regolamenti che nei piloti, quindi diamo precedenza a questi. Dopo 2 anni di applicazione dell’ordine di partenza dal più forte al più debole, che aveva suscitato ovunque disapprovazione, finalmente la FIM e’ tornata al sorteggio, nell’ambito della categoria. Non e’ ancora l’optimum per lo spettatore, come era un ordine dal più debole al più forte, in base alla classifica dell’ultima gara, che premetteva di far capire alla gente maggiormente le difficoltà e creava un’aspettativa sulla fattibilità o meno della zona, ma accontentiamoci. Magari il prossimo anno si riuscirà a tornare allo “starter order” del 2009 e qualcuno lo troverà anche geniale!
Un’altra novità che plaudiamo e’ l’aggiunta della categoria “Open” a cui possono accedere tutti i piloti che non hanno terminato gli ultimi tre mondiali nei top 10. Una buona opportunità’ per mitigare il salto dalla Junior alla World Pro. Un salto che, a parte il vincitore della Junior costretto, ben pochi altri si sentivano di fare a cuor leggero. Ma soprattutto la categoria dovrebbe riproporre tutti quei ex-world Pro, che a malapena strappavano qualche sparuto “3” nelle zone controllate, tracciate per fare mettere i piedi allo spagnolo Toni Bou!

Ebbene si’, l’uomo da battere è ancora lui: il campione in carica degli ultimi 5 campionati, lo spagnolo Toni Bou della Repsol Montesa, fresco del suo sesto titolo nel mondiale indoor, nominato X-Trial. Impeccabile nelle arene, dove in più di un’occasione la sua precisione di guida e la semplicità nel superare ostacoli inverosimili, hanno quasi reso vani i tentativi dei suoi avversari di vederlo almeno una volta soccombere – ricordiamo 7 vittorie in 7 gare nell’ultima stagione indoor – sembra essere un tantino più vulnerabile all’aperto, almeno stando a quanto sta accadendo nel campionato spagnolo.

In Spagna risiedono e corrono i migliori 5 nel ranking mondiale, ora che anche il giapponese Takahisa Fujinami, compagno di squadra di Bou, ha in Catalunya la sua fissa dimora e se la cava meglio a parlare il Catalano, che l’Inglese! Naturale quindi che le prime indicazioni sulle forze in campo della stagione iridata, possano venire da lì. La prima impressione è stata di un maggiore equilibrio, ma attenzione a non dimenticare che queste prime 3 gare sono state decisamente troppo facili per il loro livello. L’attuale leader è quel rivale di Bou che lo ha impensierito maggiormente negli ultimi tempi, il numero uno della Gas Gas, Adam Raga. Dunque ci attendiamo una replica anche sabato e domenica prossimi per mettere subito in scacco il numero uno. Ma non sarà l’unico dal quale il campione dovrà guardarsi le spalle. Albert Cabestany, Sherco ha finito l’annata indoor al secondo posto ed è solito partire sempre forte nelle prime gare del campionato. Poi, a chi poteva pensarlo sul viale del tramonto, visto l’eta’ maggiore nel gruppo dei primissimi, Fujinami ha risposto con due podi nelle gare indoor, mai troppo gradite dal giapponese. Ci si attende da lui ancora grandi prestazioni e posizioni da podio nelle gare outdoor. A chiudere il quintetto che riteniamo possedere una marcia in più del resto della truppa, un altro catalano, Jeroni Fajardo tornato in casa Beta, dopo l’esperienza Ossa, e quindi molto motivato dal cambiamento. Un risultato di prestigio lo ha già ottenuto, finendo sulla piazza d’onore ad Ibiza, seconda prova del nazionale iberico, dietro a Bou, ma davanti a Raga, Cabestany e Fujinami . Insomma se andate a rileggere la medesima presentazione fatta un anno or sono, ci trovate piu’ o meno le stesse parole. Tanto e’ rimasto il divario fra questi magnifici 5 ed i seppur validissimi, Loris Gubian, Gas Gas, o James Dabill, Beta , Jack Challoner, Beta, Michael Brown, Gas Gas, Alfredo Gomez, Montesa. In questo secondo gruppo un’ ottima figura dovrebbe anche fare il nostro numero uno, Matteo Grattarola, Gas Gas, che potra’ contare su una sponsorizzazione “mista”, grazie ad un accordo fra Claudio Favro, importatore in Italia della Gas Gas e la Federazione nei panni di “Maglia Azzurra Junior”. L’obiettivo e’ quel sesto posto che consentirebbe a Grattarola l’accesso all’intero mondiale indoor della prossima stagione: un traguardo mai raggiunto da un pilota azzurro.

Per Dougie Lampkin , Gas Gas ci sarà qualche apparizione, alternata ad impegni più seri nel mondiale di Enduro Estremo. Sempre nella categoria World Pro, a rappresentare l’Ossa, ora orfana di Fajardo, ci penserà lo spagnolo Dani Oliveras. Un altro italiano tenterà coraggiosamente l’avventura nella massima categoria: Gianluca Tournour, SPEA Gas Gas. C’è poi il giovane svedese Eddie Karlsson, che passa dalla Youth alla World Pro, saltando la Junior. Vedremo se questa “controtendenza” rispetto alla media nostrana, che tende a scegliere categorie minori, onde raggiungere risultati più brillanti, darà i suoi frutti.

Molto più ambiziose rimangono le aspettative nelle categorie Junior e Youth per i nostri portacolori. Nella prima l’Italia potrà contare su Matteo Poli, Ossa e Giacomo Saleri, Beta. Per Poli quasi irresistibile sul suolo italico, si attende una conferma a livello internazionale, dove già alla prima dell’Europeo ha dimostrato di non voler scherzare. Un quarto posto che gli sta molto stretto per essere stato al comando per più di metà gara! Saleri abituato ai podi nella Youth lo scorso anno, si sta prepotentemente inserendo fra i migliori italiani nella massima categoria, quindi e’ lecito ben sperare. Non sarà facile in quanto la categoria pullula di nomi illustri, vedi Alexandre Ferrer, Sherco, attuale leader nel campionato francese, o Jack Sheppard, Beta, campione de mondo Youth o ancora Pol Tarres, JTG, nipote del pluri-campione Jordi.

Nei giovani della Youth la Maglia Azzurra schiererà Francesco Cabrini, e Pietro Petrangeli entrambi alla guida di una Beta 125cc. Cabrini ha esordito con un secondo posto sempre nell’Europeo di Varallo Sesia, cedendo solo al francese Steven Coquelin, Gas Gas, uno dei favoriti del pronostico per la lotta al titolo.

Il ruolo di “ispettore” delle zone che ricopriva il compianto Diego Bosis, sarà ora appannaggio dello spagnolo Jordi Pascuet, che già veniva coinvolto dalla FIM per scuole e promozioni in giro per il mondo.

Per vedere quando e dove si correranno le altre prove clicca qua.


1. Toni Bou
2. Adam Raga
3. Takahisa Fujinami
4. Albert Cabestany
5. Jeroni Fajardo
6. Michael Brown
7. Loris Gubian
8. James Dabill
9. Jack Challoner
10. Matteo Grattarola