..............................



..............................

05/12/15 - Can we simplify our sport? Why always the rules?

Going to an other no-stop year...

Also the rules of the Italian Championship changed, letting us a bit surprised, since along with the other federations seemed to have found common cause in opposition to the no-stop, getting almost unanimous consensus among the public and pilots, but in Italy we want more. In addition to be able to move backward feet-up, now you can do it even with your foot down and it will not be punished the crossings. A complete upheaval, already tested for two years in the amateur Trophy Stop & Hop promoted in Liguria region.

The reason for this change, as explained to us on behalf of the Trial Committee of the Italian Federation, the chairman Albino Teobaldi, is to simplify as much as possible our sport, also in order to facilitate the understanding by the general public and especially making life easier to the observers, always pure and dedicated volunteers.

The story takes us back to 1997,(below the pictures of that championship!) when at that time it was also felt the need to "simplify" Trial, for which it was passed to reduce the time limit to 2 minutes (instead of 3) and allow the backward feet down. So everything was granted within the time limit. It immediately highlighted how the style of Trial was distorted, debased. Pilots who attempted several times to overtake a rock, more like Enduro style, because it was sufficient not to get off the bike. There was also a natural tightening of sections, in order to maintain a correct selection, made more standardized due to more opportunities to go out from the hazard, scoring "3". In short, he was not like anybody and lasted very little.

It’s funny how on one hand there is the International Federation, led by Michaud, who on behalf of all factories (time ago) wants to "simplify" Trial, through the non-stop, and on the other hand - we say with diametrically opposed systems - our national federation attempts to achieve a similar purpose. Both sides seem to convey a common desire to recover those pilots who abandoned this sport because it became too exasperated. Both of which focus their attention in this environment, to meet, maintain, retrieve, but always directed to the same set of people. Nobody is real thinking about how to expand this set. But why the rules are always the only levers to operate? All the efforts to convince the one percent that had quitted because not able to cope with the evolution, when out of the trial environment , there are another hundred, a thousand, perhaps more, potential practitioners, who do not know even Trial exists!

And then let us realize once and for all that it is almost impossible to go back, returning to the past. Let’s look at other sports. All have evolved in some way. Even what it seems like a simple one, and also among the most famous: Soccer. Those who has followed it forever know what has changed and how fast the balls can go today than even just thirty years ago. Also the athletic training of players is much more different. The regulations have suffered small variations, ridiculous compared to the substance. And no one would think of proposing a return to the past. Beginners will not play for sure in First division, and maybe they never reach such honor, but they continue playing. It is still a sport that knows no crisis. But how much is it being proposed on TV? In advertising, in programming, in the gossips of champions, in talk show after and before matches. Everybody knows what the Soccer is. Thanks to the diffusion. How many know what Trial is? Without claiming to get the numbers of Soccer, how far we could do to improve a little the market penetration of our sport? To spread explicative videos, to bring out the purely athletic characteristics, to highlight the low risk (compared to other motor sports), to focus on ease of learning. Try to schoolchildren, involve the female world. Support those who make the courses.

We want to increase the number of riders? Why do not we use the 2 x 1 marketing tool ,now applied by all major distributors of goods and services worldwide : from supermarkets to networks . Who brings a friend , who has never applied for a license , pays half his’ one . So the effort to support the diffusion involves fans themselves, too.

For too many times we have tried to persuade the FIM on the importance of diffusion, and therefore to liberalize the reproduction and subsequent publication of videos, DVDs, still blocked because the television rights are in the hands of Dorma. You cannot treat Trial as MotoGP. Selling television rights to Dorna - just to talk about the world championship environment - thinking that they can then resell to the national or regional TVs in the venues chosen for the world rounds, is not making promotion. No TV is willing to pay for a product, Trial, still not known and for which its sponsors would not spend a dime on advertising in these reports.The reality today is that the organizers have to pay TV operators in order to publicize the event! It might make sense to separate again, as happened years ago through the company Essedos, promotion from technical issues. A company can take care of promotion, while the club takes care only of the technical side. The choice of locations is essential. You cannot think to introduce a sport to the general public, if you continue to hide in small places, populated only by fans.

Unfortunately, instead of focusing on these aspects, FIM stubbornly insists to support the no-stop regulation, now rejected by all nations, where there is still a little common sense. If three years ago, the decision to penalize with maximum points the stop, could be met with curiosity and possibly reserves, now the facts have amply demonstrated how this choice does not lead to any benefit. Not only, but it creates complications for the observers and the audience get bored, deprived of part of the show he was used, such as those athletic hops feet-up in order to reach the best position to face the obstacle on duty. Objectively, there has been partial interpretations of the concept of the stop: some observers applied it tightly, others were more indulgent, but the worst is that someone was indulgent only with the top riders, those who have a team ready to intervene to defend them in case of doubt score. Public also often assisted in slow motion movements of the pilots between an obstacle and the other. The new audience could not understand why. All right, the pilot “takes a break", retrieves the forces, he can do it, because there is no longer a time limit to finish the section, but with the no-stop did not want to speed the show? We also saw less “hops”, because hopping without stopping is a privilege of the few but another reason do not was to make the Trial less exaggerated? This watching the pilot to use his arms and legs in order to draw his bike feet-up was something people liked , now that no longer exists, there are those on the day of the world round of their country, are doing something else. Without public increasingly the difficult to find sponsors increase more and more. Without sponsors pilots no longer take part in the world championship. And here the circle closes again ...


------------------------------------------------------------------------------------------

E' possibile semplificare il nostro sport? Perchè sempre i Regolamenti?

Cambia anche il regolamento del Campionato Italiano , e la cosa ci fa stupire, visto che insieme alla altre Federazioni, sembrava si fosse trovato nel fronte comune di opposizione al non stop, consensi pressochè unanimi fra pubblico e piloti, ma in Italia si vuole ancora di più. Oltre al poter arretrare con i piedi sulle pedane, ora lo si potrà fare anche con il piede a terra e non saranno più puniti gli incroci. Uno stravolgimento completo a modello di quanto già sperimentato da due anni nel Trofeo Stop & Hop promosso in Liguria.

Il motivo di questo cambiamento, come ci ha spiegato a nome del Comitato Trial della FMI, il responsabile Albino Teobaldi, è di voler semplificare il più possibile il nostro sport, anche nell'ottica di facilitarne la comprensione al grande pubblico e soprattutto rendendo la vita più facile ai giudici, da sempre puri volontari appassionati.

La storia ci riporta indietro al 1997,(sotto alcune immagini del mondiale di allora) quando anche all'epoca si sentiva l'esigenza di “semplificare” il Trial, per cui si era passati a ridurre il tempo limite a 2 minuti (da 3) ed a permettere l'arretramento con il piede a terra. Tutto concesso dunque nel tempo limite. Fece subito risalto quanto lo stile del Trial ne uscisse snaturato, svilito. Piloti che tentavano più volte l'ostacolo, arrancando con stile enduristico, tanto bastava non scendere dalla moto. Ci fu anche un naturale inasprimento delle zone, per mantenere una giusta selezione, resa più massificata dalle maggiori possibilità di uscire a “3”. Insomma, non era piaciuto a nessuno ed era durato ben poco.

E' curioso come da una parte ci sia la Federazione Internazionale, capitanata da Michaud, che col benestare di tutte le Case vuole “semplificare” il Trial con il regolamento no-stop, e da un'altra parte, diremo con sistemi diametralmente opposti, la nostra federazione nazionale tenti di perseguire il medesimo scopo. Entrambe le parti sembrano convogliare nell'intento comune di recuperare quei piloti persi per strada, a causa di uno sport diventato troppo esasperato. Entrambe che focalizzano le loro attenzioni all'interno dell'ambiente, per soddisfare , mantenere, recuperare , ma sempre rivolte al medesimo insieme di persone. Non si pensa mai a come allargare questa cerchia. Ma è mai possibile che il regolamento sia sempre l'unica leva da azionare? Si vuole convincere quell'un per cento che aveva smesso perchè non in grado di stare al passo con l'evoluzione, quando fuori dal Trial ce ne sono altri cento, mille forse più, potenziali praticanti, che non ne conoscono nemmeno l'esistenza!

E poi rendiamoci conto una volta per tutte che non è mai possibile tornare indietro nel passato. Guardiamo altri sport. Tutti si sono evoluti. Anche quello che sembra semplice semplice, ed anche tra i più famosi: il Calcio. Chi lo segue da diverso tempo sa quanto siano cambiati i palloni e quanto veloci oggi possano viaggiare rispetto anche solo a trentanni fa. Anche la preparazione atletica dei calciatori è molto più curata. I regolamenti hanno subito delle piccole variazioni, ma ridicole rispetto alla sostanza. Eppure a nessuno verrebbe in mente di proporre un ritorno al passato. Chi inizia non giocherà di sicuro in serie A, e magari non ci arriverà mai, ma non per questo smetterà di giocare. E' da anni uno sport che non conosce crisi. Ma quanto ci viene proposto in TV? Nelle pubblicità, nella programmazione, nei gossip dei campioni, nei talk show dopo e prima delle partite. Tutti sanno cos'è il Calcio. Grazie alla diffusione. Quanti sanno cos'è il Trial? Senza pretendere di arrivare ai numeri del Calcio, quanta strada si potrebbe fare per penetrare un po' di più il mercato? Diffondere video esplicativi, fare emergere le caratteristiche puramente atletiche , evidenziare la scarsa pericolosità (paragonata agli altri sport del motore), puntare sulla facilità di apprendimento. Far provare i ragazzi delle scuole, coinvolgere il mondo femminile. Sostenere chi fa i corsi.

Vogliamo aumentare il numero dei licenziati? Perché non ricorriamo al 2 x 1, strumento di marketing applicato ormai da tutti i grandi distributori di merci e servizi a livello mondiale: dai supermercati ai network . Chi porta un amico, che non abbia mai staccato una licenza, paga metà la sua. Così lo sforzo di sostenere la diffusione coinvolge anche gli appassionati stessi.

Abbiamo fin troppe volte tentato di convincere la FIM dell'importanza della diffusione, e quindi di liberalizzare la riproduzione e successiva pubblicazione di filmati, tutt'oggi bloccata dai diritti televisivi in mano alla Dorma. Non si può trattare il Trial come la MotoGp. Vendendo i diritti televisivi alla Dorma, tanto per parlare di mondiale, affinchè poi li possa rivendere alle TV nazionali o regionali nei luoghi scelti per le gare, non è fare promozione. Nessuna TV è disposta a pagare per un prodotto, il Trial, che non conosce e per il quale i suoi sponsor non spenderebbero un centesimo per pubblicità in questi servizi. La realtà odierna è che sono gli organizzatori a pagare gli operatori delle TV al fine di propagandare l'evento! Potrebbe avere un senso scindere nuovamente, come era successo anni fa attraverso la società Essedos, la promozione dall'organizzazione tecnica. Un ente si può occupare di promozione, mentre il club si fa carico solo del lato tecnico. La scelta dei luoghi è basilare. Non si può pensare di far conoscere uno sport al grande pubblico, se si continua a nascondersi in località sperdute e popolate solo dagli appassionati.

Putroppo anziché concentrarsi su questi aspetti, si insiste ostinatamente a sostenere il regolamento non stop, bocciato ormai da tutte le nazioni, in cui vige ancora un minimo di buon senso. Se tre anni or sono, la decisione di penalizzare con il massimo dei punti la fermata , poteva venire accolta con curiosità ed eventualmente riserva, oggi i fatti hanno ampiamente dimostrato quanto questa scelta non porti ad alcun beneficio. Non solo, ma crei complicazioni per i giudici di zona ed annoi il pubblico, privato di una parte di spettacolo a cui era abituato, come ad esempio quei gesti atletici di piloti impegnati a posizionare bene la moto per partire con sicurezza ad affrontare l'ostacolo di turno.Oggettivamente si è assistito ad interpretazioni parziali del concetto di fermata: qualche giudice l'ha applicata alla lettera, altri sono stati più di manica larga, ma il peggio è che qualcuno lo è stato solo con i primi della classe, quelli che hanno al seguito un team pronto ad intervenire per difenderli, in caso di dubbio punteggio. Si è assistito a movimenti al rallentatore dei piloti tra un ostacolo e l'altro. Cosa che il pubblico nuovo non riusciva a capirne il motivo. D'accordo il pilota “rifiata”, recupera la forze, tanto non esiste più un tempo massimo per zona, ma con il no-stop non si voleva velocizzare lo spettacolo? Sono venuti a mancare gli “spostamenti”, perchè farli in movimento è un privilegio di pochi ma un altro motivo non era rendere il Trial meno esasperato? Questo vedere il pilota che a forza di braccia e gambe muoveva il mezzo senza appoggiare i piedi a terra piaceva alla gente, ora che non esiste più, c'è chi il giorno della prova mondiale del proprio Paese, si dedica ad altro. Senza pubblico si fa sempre più fatica a trovare gli sponsor. Senza sponsor i piloti non partecipano più al mondiale. Ed ecco richiudersi il cerchio...

------------------------------------------------------------------------------------------
Dougie Lampkin
Marc Colomer
Kenichi Kuroyama
Takahisa Fujinami
Jordi Tarres
David Cobos
Steve Colley
Tommi Ahvala
Graham Jarvis
Bruno Camozzi
Amos Bilbao
Joan Pons
Gabriel Reyes
Donato Miglio
Diego Bosis
Albert Cabestany